CORSO DI TEATRO DANZA – ONLINE

GIORNI E ORARI

Tutti i mercoledì dalle 16.00 alle 18.00 

a partire dal 08 aprile 2020

OFFERTA LIBERA E CONSAPEVOLE

INFO E ISCRIZIONI

Francesca:  +39 333 865 4448

francesca.tomassetti@latascateatro.com

primo ciclo di 4 incontri: 
LA PRESENZA:Una moltitudine nello spazio della solitudine
Cos’è la presenza? Cosa significa essere presenti? Cosa sento nel mio corpo quando sono presente a me stessa?
Ci prenderemo il tempo di 4 incontri per esplorare queste domande.
Nella realtà attuale, dove le nostre possibilità di azione sono ridotte al minimo, può essere molto utile imparare a fare esperienza dello spazio interno, per scoprire che se spostiamo il focus dall’infinitamente grande che sta fuori, all’infinitamente piccolo dentro di noi, è possibile sperimentare uno spazio di libertà inaspettata.
Partiremo dal respiro e impareremo a sentire le connessioni sottili fra i nostri corpi e i nostri cuori apparentemente così lontani. Impareremo a sentire l’esistenza del gruppo come essere vivo, ognuno nel suo spazio e tutti insieme dentro il grande spazio che solo apparentemente ci separa. Il silenzio di una società, che è stata costretta suo malgrado a rallentare, ci aiuterà in questo processo.
Attraverso gli strumenti della meditazione Mindfulness e della biodinamica applicata al movimento lavoreremo sul radicamento, sulle strutture, sulle intenzioni. La presenza è puro essere, è ciò che resta quando ci concediamo la possibilità di lasciar cadere le maschere della personalità, è quel qualcosa che in scena ci fa sembrare grandi come montagne anche se siamo piccoli come scriccioli, e soprattutto è quel qualcosa che ci permette di stare con la nostra vita, con noi stessi, con ciò che c’è, al di là del bene e del male.
Attraverso gli strumenti della danza Butoh indagheremo le infinite possibilità di trasformazione del nostro corpo, scopriremo la nostra vastità, la moltitudine che vive dentro di noi, per sentirla prima e per esprimerla all’esterno poi.
Questo corso nasce dal desiderio di resistere a questa separazione imposta, di trovare un altro modo di incontrarci e di continuare quel processo che stava già accadendo quando ancora potevamo toccarci. Allo stesso tempo è aperto anche a chi non lo ha mai sperimentato. Non sono richiesti requisiti particolari, basta una buona connessione internet, un computer o un tablet, uno spazio anche piccolo in cui poter lavorare indisturbati, un corpo, un cuore e la voglia di esserci nonostante tutto questo.
BIOGRAFIA